Tankoa Yachts: l’espressione dell’eccellenza italiana

Stile “beach chic” per il nuovo capolavoro cantieristico sviluppato dal designer Alberto Mancini

La vera bellezza non conosce confini. Ne è un perfetto esempio il nuovo T560 Apache che si unisce alla flotta del “cantiere boutique” italiano Tankoa. Uno yacht di 56 metri completamente personalizzato ideato e costruito per un cliente esperto desideroso di un natante unico nel suo genere.

Sviluppato dal designer Alberto Mancini, il nuovo Tankoa T560 Apache trae ispirazione dal design dal modello precedente, il T760 Apache, concepito dallo stesso Mancini e presentato al Monaco Yacht Show nel 2021.

«La sfida principale è stata prendere le caratteristiche di uno yacht di grandi dimensioni e trasferirle su misure più contenute, preservando i comfort, il luxury style e le sue linee, slanciate ed eleganti rimanendo in grado di offrire ampi spazi interni con caratteristiche che di solito si trovano su yacht di maggiori dimensioni. La parte complicata era massimizzare lo spazio interno limitando al massimo i compromessi, creando una sorta di rifugio che ricordasse una casa sulla spiaggia, con ampi spazi esterni e senza la formalità che a volte si trova su yacht di questa dimensione», dichiara Claudio Corvino, Sales and Business Developer Manager di Tankoa.

Il risultato è uno yacht incredibile con spazi stupefacenti, e con un design che non solo soddisfa tutte le richieste dei clienti, ma che dimostra anche la capacità, la flessibilità e l’ingegnosità del team di Tankoa. Lo sviluppo del T560 nasce al Fort Lauderdale International Boat Show nel 2022, appositamente per una coppia americana, con la partecipazione attiva di Fraser Yachts USA nella vendita e nello sviluppo del progetto.

La suite armatoriale

Il bridge deck offre una vista impareggiabile durante la navigazione. La posizione della timoneria principale libera il ponte superiore per qualcosa di veramente straordinario, ampi spazi e vedute sono caratteristiche uniche prese in prestito dal modello precedente studiate per adattarsi perfettamente alla nuova versione.

La suite armatoriale, con la sua posizione avanzata non solo conferisce viste panoramiche eccezionali dall’appartamento studio interno di 50 metri quadrati, ma consente anche di avere un’ampia terrazza privata completa di flying pool e un’area salotto all’aperto con un focolare al centro.

Più a poppa, l’accogliente salone superiore si apre su una grande terrazza con zona pranzo all’aperto per 12 persone, mentre sul ponte sottostante le aree comuni per gli ospiti mantengono un’atmosfera “beach chic” con un comodo salone a poppa e un’area pranzo convertibile a prua. Il layout prevede anche cinque suite per gli ospiti, tutte situate a prua al livello del ponte principale – una caratteristica rara per uno yacht di questa dimensione – tra cui una VIP a tutto baglio nella parte anteriore e quattro lussuose cabine doppie con vista sul mare.

Uno stile “beach chic”

Con le cabine degli ospiti posizionate sul ponte principale, l’equipaggio dispone di una generosa area per i propri alloggi sul ponte inferiore, mentre la zona centrale è dedicata all’armatore e ai suoi ospiti con un centro benessere a sinistra e palestra a dritta, con terrazza abbattibile a filo d’acqua. Il garage per i tender si trova a prua sul main deck, dietro il ponte di ormeggio e sotto la terrazza dell’armatore, e può ospitare un tender da 7 metri, una barca di soccorso e sea toys.

Il desiderio dei proprietari americani era quello di ricreare uno stile “beach chic”: il risultato è stato raggiunto grazie a un’altra eccezionale caratteristica ereditata dal 76 metri: un beach club e una terrazza a poppa a filo d’acqua con una piscina in vetro da 4 metri e terrazze laterali abbattibili, che creano un’area relax di ben 90 metri quadri. A collegare le parti esterne e interne del beach club troviamo una paratia in vetro fumé, mentre il ponte di poppa principale – collegato al beach club tramite due scale – funge più da terrazza superiore che da area separata per gli ospiti.

Un flusso continuo tra interno ed esterno

A contraddistinguere il T560 Apache è la sensazione di unione tra interno ed esterno, una disposizione accogliente e informale che si accompagna a linee senza soluzione di continuità, capaci di nascondere brillantemente l’impressionante volume di ingombro. Aver potuto trasferire molte delle caratteristiche fondamentali del 76 metri su questo nuovo yacht dimostra la forza del concetto originale e della capacità di design di Alberto Mancini.

«Io e i miei designer ci siamo concentrati in particolare sulla suite armatoriale sul ponte superiore, che non solo offre una superficie interna di 50 metri quadri, ma la abbina anche a una terrazza di prua privata di 85 metri quadri che include un’incredibile piscina totalmente in vetro di 5,5 metri», afferma Alberto Mancini, Fondatore di AM Yacht Design.

A proposito dell'autore:

Leggi anche:

Iscriviti alla nostra newsletter!

Rimani sempre aggiornato sulle novità targate Archi.Tektonika