The Black & White Building, il più alto edificio in legno massiccio

Waugh Thistleton Architects firmano il progetto rivoluzionario che ospita uffici

Un nuovo edificio di sette piani in legno massiccio nel cuore di Shoreditch per mostrare che il legno non è solo una valida alternativa ai materiali di costruzione tradizionali, ma anche l’opzione ideale quando si tratta di prestazioni e sostenibilità. Innalzato per 17,8 metri sul paesaggio stradale di Shoreditch – laddove prima si estendeva un ex capannone per la stagionatura del legname – il Black & White Building è il primo edificio che lo specialista degli spazi di lavoro di design TOG ha costruito interamente da zero su progetto degli esperti dell’architettura in legno, Waugh Thistleton Architects. Conosciuto soprattutto per gli interventi di ristrutturazione e riqualificazione realizzati con sensibilità e attenzione, TOG ha collaborato con Waugh Thistleton Architects per realizzare una struttura che possa diventare un modello per l’architettura degli uffici del futuro. Nel The Black & White Building ciò che è stato esplorato è un’”architettura della bastanza”, in cui ogni elemento ha uno scopo, nulla è superfluo e tutti i materiali e i processi sono il più possibile efficienti e sostenibili.

“Il messaggio principale di The Black & White Building – spiega Andrew Waugh di Waugh Thistleton Architects – è la sostenibilità: si tratta di un edificio per uffici di classe A nel centro di Londra, costruito interamente in legno che dimostra chiaramente come il legno possa essere un valido sostituto del cemento e dell’acciaio nel settore degli uffici. Stiamo cercando di cambiare il modo di costruire, di trasformare il settore”.

L’edificio si trova a pochi passi dal polo tecnologico di Old Street e dal Silicon Roundabout, in Rivington Street a Shoreditch, una delle prime arterie londinesi a bassissime emissioni. La struttura precedente, di circa 11.000 metri quadrati in bianco e nero, non era in grado di soddisfare la crescente domanda della zona di spazi di lavoro e non poteva neppure essere ampliato, cosa che ha spinto i co-fondatori e i co-CEO di TOG, Olly Olsen e Charlie Green, a creare un edificio il più sostenibile possibile. Le loro ricerche li hanno portati a rivolgersi a Waugh Thistleton Architects, studio che da oltre un decennio è all’avanguardia nella progettazione di edifici in legno, tra cui per esempio, alcuni complessi residenziali di prestigio come Dalston Works e Murray Grove, oltre all’headquarter di Vitsoe a Leamington Spa.

TOG e Waugh Thistleton hanno deciso di realizzare un edificio che riducesse al minimo le emissioni di carbonio sia nella fase di costruzione che, una volta completato, nelle sue modalità operative. Gli architetti hanno proposto una struttura costruita da zero utilizzando legno lamellare a strati incrociati (CLT) e legno impiallacciato laminato (LVL). 

Complessivamente, Black & White Building crea il 37% in meno di carbonio incorporato rispetto a un analogo carbonio a lungo termine per 1.014,7 tonnellate di CO2 equivalente (il 55% del totale dell’edificio) immagazzinate nella struttura in legno. 

Black & White Building è alimentato al 100% da energia da fonti rinnovabili, tra cui 80 pannelli solari situati sul tetto. Nessun elemento del Black & White Building è puramente decorativo: tutto ha uno scopo. In particolare, l’esterno è rivestito da lamelle in legno che corrono dal livello della strada fino al tetto. Queste forniscono un’ombra naturale, riducendo il riscaldamento solare sulla facciata e favorendo la luce naturale all’interno. Le lamelle cambiano di profondità man mano che salgono nell’edificio per ottimizzare l’efficienza energetica. L’uso delle lamelle riduce inoltre al minimo la quantità di rivestimento solare necessario per proteggere le finestre in vetro trasparente. 

Le lamelle sono realizzate in legno di tulipier termicamente modificato, certificato e fornito da American Hardwood Export Council (AHEC). Questo legno è molto affidabile, leggero, facilmente reperibile e ha un impatto ambientale minimo. L’uso di legno di tulipier TMT per rivestire un edificio a più piani è qualcosa di assolutamente nuovo, ma vista l’efficacia di questo materiale nel Black & White Building, è probabile che applicazioni simili si diffonderanno sia nelle nuove costruzioni che nelle ristrutturazioni, come metodo per ridurre il consumo di carbonio e il riscaldamento solare.

Come ulteriore vantaggio, il legno di tulipier delle lamelle ben si sposa con il nostro apprezzamento per i materiali naturali, cosa che anche gli interni dell’edificio realizzati da Daytrip, con i legni a vista e i tessuti naturali, sfruttano al meglio.

All’interno, il Black & White Building è stato progettato deliberatamente per incoraggiare l’interazione e la collaborazione, consentendo alle persone di entrare in relazione attraverso una varietà di spazi in molteplici modi. In tutto l’edificio si trovano sale di varie dimensioni e disposizioni, oltre a numerose aree di pausa e spazi all’aperto, che culminano in una terrazza sul tetto con vista sul paesaggio urbano, ideale per le giornate di sole. Per massimizzare la luce naturale nell’edificio durante il giorno, un pozzo di luce corre per tutta l’altezza dell’edificio, dalla terrazza sul tetto fino al cortile con acero al piano terra.

Nel complesso, l’edificio ospita 28 uffici di varie dimensioni, sei sale riunioni, focus booths e aree per il relax, 94 posti bici e docce. Al piano inferiore, accanto al cortile interno aperto alla luce del sole, si trova uno spazio dedicato allo yoga e al corpo libero – il primo nel portafoglio di TOG – che ospiterà un calendario di attività incentrate sul benessere olistico. Oltre alle varie discipline dello yoga e della barra, le lezioni comprenderanno Pilates, HIIT, esercizi di respirazione e meditazione, e tra una sessione e l’altra, lo spazio sarà a disposizione dei membri di tutto il network TOG.

Sia per TOG che per Waugh Thistleton Architects, The Black & White Building rappresenta un “prototipo concettuale” che – sperano – possa ispirare e incoraggiare la più ampia comunità architettonica ad adottare metodi di costruzione a basso consumo di carbonio e materiali in legno ingegnerizzati.

A proposito dell'autore:

Leggi anche:

Cerca

Iscriviti alla nostra newsletter!

Rimani sempre aggiornato sulle novità targate Archi.Tektonika